Parco del Mincio
VisitMincio
Turisti nel parco tra biodiversità, storia, arte e accoglienza
Foto della testata
Condividishare-facebookshare-twittershare-googleplusshare-linkedinshare-mailshare-Whatsapp
Versione per la stampa Versione per la stampa
Torna alla versione classica
Home » VisitMincio » I Punti d'interesse

I Mulini del Naviglio

L'enorme opera di canalizzazione del territorio attorno al Mincio iniziato già in età romana, portata avanti dal Pitentino e resa pienamente efficiente sotto i Gonzaga, aveva lo scopo di restituire all'agricoltura e all'insediamento urbano la maggior superficie possibile, strappandola alla stagionalità delle piene e restituendo le aree malsane alla bonifica. 

Nel Medioevo si assiste all'introduzione dei mulini ad acqua, una delle scoperte tecnologiche più rivoluzionarie del passato perché si riusciva a produrre energia meccanica gratuita, non più legata a quella umana e animale; la regimentazione delle acque diventa perciò fondamentale per poter avere dei canali o corsi d'acqua con una sufficiente "forza motrice" delle pale. Il primo intervento in questo senso di cui si hanno tracce storiche è la costruzione a Mantova del Ponte dei Mulini progettato dal Pitentino, poi distrutto durante i conflitti bellici del XX secolo. In epoca gonzaghesca addirittura la costruzione del Naviglio è da leggere con questo scopo: collegava Goito al Lago Superiore, venne infatti realizzato anche come canale di regimentazione delle acque e mezzo di produzione di energia attraverso i mulini. Quelli che vengono costruiti lungo il Naviglio sono numerosi e hanno varie funzioni: macinare il grano, lavorare i metalli o la lana, ognuno con la propria specializzazione. Anche da un punto di vista socio-economico hanno un forte impatto sulla comunità rappresentando una potente fonte di reddito. Alcuni mulini sono arrivati fino a noi, molti ancora funzionanti; è il caso del mulino di Massimbona nei pressi di Goito, inscritto in una cornice paesaggistica, architettonica e culturale di grande pregio. Quello di Maglio prende invece il nome appunto dal maglio che serviva per produrre la carta. Un ulteriore esempio è a Goito, poco distante dal ponte della Gloria.
Un altro angolo suggestivo dove apprezzare la forza motrice dell'acqua è a Borghetto, presso Valeggio, il borgo medievale che sembra nascere dalla impetuosità del salto delle acque del Mincio.

Località: Goito  Comune: Goito (MN) | | Localizza sulla mappa
Il mulino ad acqua di Massimbona
Il mulino ad acqua di Massimbona
Il mulino ad acqua di Massimbona
Il mulino ad acqua di Massimbona
2018 © Ente Parco del Mincio
Piazza Porta Giulia, 10 - 46100 Mantova (MN)
Tel 0376/391550 - Fax 0376/362657
Email: info@parcodelmincio.it
Posta certificata: parco.mincio@pec.regione.lombardia.it